Archivio di ottobre 2011

Rissa alla Camera

mercoledì, 26 ottobre 2011

“Uno spettacolo indegno quello della rissa tra leghisti e altri parlamentari del FLI, soprattutto davanti ad una scolaresca che assisteva ai lavori della Camera. Ha fatto bene la Presidente di turno Rosy Bindi a chiedere scusa, ma rimarra’ l’immagine indelebile di Deputati che si mettono le mani addosso in un clima di violenza de intolleranza”. Lo dichiara il Deputato udc Amedeo Ciccanti presente alla zuffa. “Ha sbagliato nei toni e nei contenuti Reguzzoni – sottolinea – quando ha attaccato Fini, scaldando troppo gli animi leghisti de hanno sbagliato quindi gli stessi leghisti quando hanno contestato Bocchino impedendogli di parlare”. “Bisogna rasserenare gli animi – conclude – perche’ piu’ irritati di noi sono gli italiani”.

Direttiva contro ritardi pagamenti

mercoledì, 26 ottobre 2011

“Da una parte Taiani elogia il Governo per il recepimento della Direttiva 2011/7/UE nella legge comunitaria 2011 contro i ritardi di pagamenti, dall’altra la Lega Nord boicotta e boccia col il PDL detto recepimento in commissione bilancio della Camera”. Lo afferma in una nota l’On.Amedeo Ciccanti dell’UDC, che insieme all’opposizione ha fermamente contestato il voto della maggioranza. “Si tratta – ha affermato – del tradimento di tutte quelle piccole imprese che rischiano il fallimento a causa dei ritardi di pagamento sia della Pubblica Amministrazione che paga ormai a 400 giorni e sia delle grandi imprese committenti di grandi lavori che ridanno in sub appalto”. “Tra comuni e province che gia’ da giugno non pagano per non sforare il patto di stabilita’ interno – prosegue il parlamentare – e la PA che ha accumulato oltre 70 miliardi di debiti per lavori e forniture da parte del sistema imprese, questo Governo e questa maggioranza con in testa la Lega, stanno mettendo sul lastrico un intero sistema economico di partite iva che puré per anti ha rappresentato la loro base elettorale”. “Torneremo a lottare in aula – conclude – perche’ noi dell’udc non lasceremo soli de abbandonati migliaia di professinisti, artigiani e commercianti, i quali non vengono pagati per il lavoro fatto, ovvero devono raccomandarsi al satrapo di turno per vedersi pagato la loro onesta prestazione lavorativa”.

Sun di Rimini

sabato, 22 ottobre 2011

“Mettetevi l’anima in pace perche’ sulla Direttiva Bolkestein la maggioranza con l’emendamento dell’On.Pini della Lega nord ci ha messo una pietra tombale”. Lo ha detto l’On.Amedeo Ciccanti Deputato dell’udc ad una folta Assemblea di concessionari di spiaggia di tutta Italia, tra cui molti marchigiani e sambenedettesi, che hanno partecipato al Sun di Rimini. “La vostra volonta’ di evitare le aste chiedendo la deroga generalizzata per le concessioni demaniali marittime alla Bolkestein e’ fuori tempo massimo – ha detto il parlamentare udc – oggi non rimane che chiedere la deroga parziale, oppure il diritto di prelazione, nell’ambito della normativa delegata al Governo con l’art.11 della legge comunitaria 2010 all’esame del Senato in terza lettura pretendendo il riconoscimento della Comunicazione del Parlamento europeo sullo Small Business Act recepito nel 2010 dal Consiglio dei Ministri con propria Raccomandazione e dal Parlamento italiano con l’approvazione dello Statuto delle imprese”. “La tutela della piccola impresa – ha sottolineato. Ciccanti – e’ stata riconosciuta recentemente dal Parlamento europeo con una Risoluzione in materia di turismo lo scorso 27 settembre e insieme alla difesa della micro impresa familiare, che costituisce il 90% delle imprese balneari, puo’ costituire la forza delle ragioni delle stesse imprese per una legge di riordino del settore che valorizzi e favorisca la prosecuzione dell’attivita’ di chi gia’ e’ concessionario di spaiaggia”.

Inaugurazione SS 16

sabato, 22 ottobre 2011

Dopo il finanziamento di circa 32 miliardi di vecchie lire da parte dello Stato all’Autorita’ di bacino del Tronto, e dopo 20 anni dall’alluvione che sommerse i comuni della costa, si inaugura oggi il nuovo ponte di collegamento tra Marche e Abruzzo sulla statale Adriatica, ma siamo a meta’ dell’opera”. Lo afferma l’On.Amedeo Ciccanti presente all’inaugurazione di questa importante opera per la messa in sicurezza della foce del Tronto, “ma – prosegue – manca ancora il ponte ferroviario e l’allargamento e sistemazione dell’alveo”. Secondo il parlamentare dell’UDC, la Provincia di Ascoli, titolare della competenza sui lavori del ponte ferroviario (quelli stradali spettavano alla Provincia di Teramo) ha affidato l’appalto dei lavori per l’allungamento del ponte ferroviario verso sud solo a marzo e saranno riconsegnati presumibilmente tra un anno, mentre mancano i soldi per la sistemazione dell’alveo”. “Non ha senso – sottolinea – allungare a 150 metri i due ponti per allargare il fronte dell’alveo e poi lasciare lo stesso alveo a 110 metri”. “Per completare i lavori dell’alveo – conclude – servono almeno altri cinque milioni e tra ribassi d’asta e vecchi stanziamenti si arriva a circa tre milioni; ne mancano altri due. Chi li paga? La Regione Marche non puo’ mancare all’appello e gia’ il prossimo assestamento di bilancio potrebbe essere un’occasione. Donati (assessore all’ambiente) e Canzian (assessore del piceno con presidenza dell’autorita’ di bacino) sono chiamati all’appello!”.

Agcom: Telecom ancora favorita?

mercoledì, 19 ottobre 2011

“L’Agcom tra qualche giorno dovrebbe decidere sulla riduzione delle terminazioni mobili, ossia la riduzione delle tariffe pagate da un operatore di telecomunicazioni ad un altro operatore per instradare una comunicazione telefonica presso una rete mobile. Questa decisione – secondo la gran parte degli operatori di telefonia mobile – favorirebbe Telecom Italia che pur essendo obbligata a traslare sulla telefonia fissa il beneficio di tale riduzione, finora non lo ha fatto perche’ affrancata da una revoca del 2010″. Lo dichiara l’On.Amedeo Ciccanti, Deputato udc che sottolinea come “tale riduzione non solo stravolge gli investimenti definiti a seguito anche dell’acquisizione di nuove frequenze per un ammontare complessivo di qattro miliardi, ma si sottraggono risorse a favore degli operatori fissi senza che questi abbiano l’obbligo di trasferire tali benefici al cliente finale”. “Negli ultimi cinque anni (2005-2010) – prosegue il parlamentare udc – mentre le terminazioni mobili hanno subito una riduzione del 50%, i prezzi fisso-mobile si sono mantenuti stabili”. “Per tali ragioni – conclude – la decisione dell’Agcom, cosi come si manifesta, rischia di tradursi per un vantaggio a Telecom Italia, senza alcun beneficio per il consumatore, se non si obbliga anche la riduzione della rete fissa”.

Ciccanti (udc): la Lega blocca la legge sulla lingua dei segni per i sordomuti

giovedì, 6 ottobre 2011

“Il Senato approva l’adozione della lingua dei segni per meglio integrare nella vita collettiva i sordomuti, attraverso l’abbattimento delle barriere della comunicazione e la commissione bilancio della Camera la blocca”. Lo riferisce l’On. Amedeo Ciccanti, capogruppo udc, sottolineando come “la richiesta di relazione tecnica da parte del relatore della Lega, abbia spostato il riconoscimento del diritto dei sordomuti alla integrazione sociale verso la ‘palude’ dei sofismi finanziari per bloccarne l’approvazione”. “Si e’ capito bene che non volevano la legge – sottolinea il parlamentare udc – quando e’ intervenuto nella discussione della commissione bilancio un altro parlamentare della Lega che ha sottolieneato la divisione di valutazione tra le associazioni dei sordomuti sulla bonta’ del linguaggio dei segni (LIS), assumendo cosi una posizione politica di diniego”. “La questione – conclude – e’ stata rinviata di qualche settimana in attesa della Relazione Tecnica sulla eventuale quantificazione dei costi di tale legge”.